Ma che fine avranno fatto i veri uomini?

Carrie: Non sono io che scelgo quelli sbagliati, sono loro che scelgono me!
Miranda: Sei una specie di carta moschicida per soggetti disturbati?!
Carrie: Sì, ma una di quelle molto carine al profumo di fiori selvatici.
Samantha: Il fatto è che non c’è molto da scegliere; dai un’occhiata in giro e ti accorgi che la maggior parte degli uomini è un disastro. Ma che fine avranno fatto i veri uomini?

Dalla serie Sex and the City – Episodio 13: Giochi di coppia

Io sono la cosa migliore che gli sia capitata

Se ci pensi io sono la cosa migliore che gli sia capitata, anzi no, direi che mi fa pena perché io lo lascio e rimango me stessa, lui mi lascia e rimane se stesso, ma nessuno vorrebbe essere al suo posto, mentre vorrebbero essere al mio; io sono brillante, divertente, io ero una cosa, un qualcosa, un qualcosa di speciale, insomma, io ero il suo momento magico, ero l’abra cadabra, sì ero io a dare il tocco magico al nostro rapporto, capisci? Il fatto è che io riesco a mettere un pizzico di magia in tutto quello che faccio, io sono magia anche quando fermo un taxi, quindi è meglio che sia finita, così farò magie con qualcun’altro! Qualcuno che mi meriti, insomma non con uno così contorto e insicuro che non sa nemmeno come trattare una donna, che sa bene quello che vuole.

Carrie

Dalla serie Sex and the City – Episodio 13: Giochi di coppia

Benvenuti nell’era dell’anti-innocenza

Benvenuti nell’era dell’anti-innocenza: nessuno fa colazione da Tiffany e nessuno ha storie da ricordare; facciamo colazione alle sette e abbiamo storie che cerchiamo di dimenticare il più in fretta possibile. L’autoconservazione e concludere affari hanno priorità assoluta. Cupido ha preso il volo dal condominio.

Carrie

Dalla serie Sex and the City – Episodio 1: Le donne, il sesso e gli uomini