Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione…?

“Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro.”

Charlie Chaplin

“Preoccupati più del tuo carattere che della tua reputazione. Perché il carattere è ciò che tu sei, la reputazione ciò che gli altri pensano tu sia.”

                                                     John Wooden

Nell’era del Social e del Word of Mouth queste storiche e moralissime affermazioni rischiano di diventare decisamente controproducenti. Spesso le aziende danno per scontato che i loro valori, i loro prodotti e i loro servizi vengano recepiti correttamente all’esterno. La percezione che i clienti hanno dell’azienda non sempre corrisponde con quanto essa tenta di comunicare. A volte perchè nel processo di comunicazione, ovvero codifica, trasmissione e decodifica del messaggio, si commette qualche errore di valutazione. Altre volte il piano strategico di comunicazione è completamente assente e si fanno delle scelte in contrasto con la mission e i valori annunciati.

In un mondo in cui tutti viene scritto, filmato, fotografato, condiviso, postato e diffuso è rischiosissimo affidarsi alle massime citate sopra. Niente viene perdonato. In media comunichiamo a 3 persone qualcosa di bello che ci è successo e a 11 persone le cose negative. Il rapporto è decisamente sbilanciato ed esprime correttamente quanta attenzione ci deve essere per evitare danni alla Brand Reputation.

Gestire la Reputazione on line è per questo motivo di particolare importanza. Perchè questo sia possibile è essenziale mettersi in una posizione di ascolto: sviluppare quindi engagement in base a ciò che abbiamo ascoltato e rielaborato.

Ti criticheranno sempre…

… parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore, ciò che vuoi. Una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama… e vivi intensamente ogni momento della tua vita prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.

Charlie Chaplin