Restyling: cambiando s’impara!

Ebbene sì, un restyling ogni tanto è d’obbligo. Perché non è vero che le persone non cambiano. Il cambiamento è costante e fa parte di noi. Ed ecco quindi l’esigenza che ho sentito di cambiare e spostarmi verso un formato più magazine del mio blog. Un restyling perché cambiando s’impara!

Grazie a Francesco per il suo preziosissimo contributo!

Spero che il restyling sia gradito, ogni suggerimento è ben accetto. 🙂

Buona visita

“Le persone non cambiano”

Quando diciamo cose tipo “Le persone non cambiano”, facciamo impazzire gli scienziati. Perché il cambiamento è letteralmente l’unica costante di tutta la scienza. L’energia, la materia, cambiano continuamente, si trasformano, si fondono, crescono, muoiono. È il fatto che le persone cerchino di non cambiare che è innaturale, il modo in cui ci aggrappiamo alle cose come erano invece di lasciarle essere ciò che sono, il modo in cui ci aggrappiamo ai vecchi ricordi invece di farcene dei nuovi, il modo in cui insistiamo nel credere, malgrado tutte le indicazioni scientifiche, che nella vita tutto sia per sempre. Il cambiamento è costante. Come viviamo il cambiamento, questo dipende da noi. Possiamo sentirlo come una morte o possiamo sentirlo come una seconda occasione di vita. Se apriamo le dita, se allentiamo la presa e lasciamo che ci trasporti, possiamo sentirlo come adrenalina pura, come se in ogni momento potessimo avere un’altra occasione di vita, come se in ogni momento potessimo nascere ancora una volta.

Grey’s Anatomy – Settima Stagione

Nostalgia

La ragione per cui ogni volta che buttiamo via qualcosa ci assale la nostalgia è che abbiamo paura di evolvere. Di crescere, cambiare, perdere peso, reinventare noi stessi. Di adattarci.

Chuck Palahniuk

Cambiare

Ti nasconderai dentro i sogni miei ma io non dormirò, mi dovrà passare…

 

Alex Baroni – Cambiare – 1997

 

Il cambiamento è costante: è il fatto che le persone cerchino di non cambiare che è innaturale

Quando diciamo cose tipo “le persone non cambiano” facciamo impazzire gli scienziati, perchè il cambiamento è letteralmente l’unica costante di tutta la scienza.

L’energia, la materia, cambiano continuamente, si trasformano, si fondono, crescono, muoiono.

E’ il fatto che le persone cerchino di non cambiare che è innaturale. Il modo in cui ci aggrappiamo alle cose come erano invece che lasciarle essere ciò che sono. Il modo in cui ci aggrappiamo ai vecchi ricordi invece che di farcene dei nuovi. Il modo in cui insistiamo nel credere, malgrado tutte le indicazioni scientifiche, che nella vita tutto sia per sempre.

Il cambiamento è costante.

Come viviamo il cambiamento, questo dipende da noi: possiamo sentirlo come una morte, o possiamo sentirlo come una seconda occasione di vita. Se apriamo le dita, se allentiamo la presa, e lasciamo che ci trasporti, possiamo sentirlo come adrenalina pura, come se in ogni momento potessimo avere un altra occasione di vita.

Come se in ogni momento potessimo nascere ancora una volta.

Tratto da Grey’s Anatomy  – Stagione 7 – Episodio 1 Con te rinasco.

Donne, state pensando di cambiare vita?!

Strano, tra le nazioni più a misura di donna l’Italia non si piazza bene, l’avreste mai detto?

Donne, se state pensando di cambiare vita il consiglio è quello di trasferirvi in Islanda. Secondo il World Economic Forum infatti sarebbe il miglior paese del mondo per qualità di vita della popolazione femminile.

Il dato emerge da uno studio che analizza il divario di opportunità tra uomini e donne in 135 paese pubblicato qualche settimana fa nel 2011 Global Gender Gap Report.

Il rapporto si focalizza su 4 aree:
1) le opportunità economiche: salari, percentuale di donne che lavorano, percentuale di donne che svolge lavori ad elevata specializzazione;
2) opportunità educative: possibilità di accesso ai più elevati livelli di istruzione;
3) livello di salute e aspettativa di vita: tasso di mortalità ed età media rispetto agli uomini;
4) oppotunità politiche: numero di donne in parlamento e in ruoli politici chiave negli ultimi 50 anni.

In questa interessante graduatoria ai primi tre posti troviamo, senza grandi sorprese, 3 paesi del nord Europa: Islanda, Norvegia e Finlandia. Gli USA, si collocano solo al 17° posto.

E l’Italia? Come premesso non è tra i primi e neanche a metà: si piazza a un misero 74° posto. A penalizzarci, dicono, è il livello dei salari, che per le donne è in media più basso rispetto a quello dei colleghi maschi, e la totale assenza del gentil sesso tra i top manager e tra le più alte cariche politiche del paese.

Quindi, donne, se state pensando di cambiare vita e non temete il freddo (al limite si fanno tutte le vacanze ai tropici!) fossi in voi ci farei un pensierino! 🙂

Se non cambiassimo mai…

Probabilmente, se non cambiassimo mai strada, non potremmo innamorarci, avere un figlio, essere ciò che siamo. Del resto le stagioni cambiano, e così pure le città; la gente entra nella tua vita e poi ne esce, ma è confortante sapere che coloro che ami rimangono per sempre, impressi nel tuo cuore.

 

Carrie Bradshaw – Sex and The City