Arisa – Controvento – Testo e accordi

Controvento di Arisa vince il 64esimo festival di San Remo. Per me una canzone davvero speciale!


Do#m La7+ Fa#m Sol# Sol#

Do#m                   La7+
 Io non credo nei miracoli,
             Fa#m                         Sol#
meglio che ti liberi meglio che ti guardi dentro
Do#m                La7+
 Questa vita lascia i lividi
                Fa#m                        Sol#
questa mette i brividi certe volte è più un combattimento
  La7+                   Mi                 Si
C’è quel vuoto che non sai che poi non dici mai
               Do#m       La7+
che brucia nelle vene come se
                   Mi                 Si
Il mondo è contro te e tu non sai il perché,
               Sol#4  Sol#
lo so me lo ricordo bene

Do#        Do#7+
lo sono qui  per ascoltare un sogno
 Fa#
Non parlerò Se non ne avrai bisogno
 Sibm     Fam7 Fa#
Ma ci sarò        Perché così mi sento
Sibm      Fam7 Fa#
Accanto a te    viaggiando controvento
Do#        Do#7+
Risolverò     Magari poco o niente
  Fa#
Ma ci sarò e questo è l’importante
Sibm     Fam7 Fa#
Acqua sarò      che spegnerà un momento
Sibm       Fam7 Fa#
Accanto a te          viaggiando controvento

Do#m La7+ Fa#m Sol#4 Sol#

Do#m                   La7+                 Fa#m
 Tanto il tempo solo lui lo sa, quando e come finirà
                  Sol#
La tua sofferenza e il tuo lamento
   La7+            Mi
C’è quel vuoto che non sai
               Si
che poi non dici mai,
                Do#m        La7+
che brucia nelle vene come se
                 Mi                   Si
Il mondo è contro te e tu non sai il perché,
               Sol#4  Sol#
lo so me lo ricordo bene

Do#        Do#7+
lo sono qui   per ascoltare un sogno
  Fa#
Non parlerò Se non ne avrai bisogno
 Sibm     Fam7 Fa#
Ma ci sarò        Perché così mi sento
Sibm       Fam7 Fa#                  Sol#  Fa# (Stop)
Accanto a te       viaggiando controvento

Mib            Mib7+
Risolverò                Magari poco o niente
 Sol#
Ma ci sarò E questo è l’importante
Dom      Solm7 Sol#
Acqua sarò      che spegnerà un momento
Dom      Solm7
Accanto a te
Sol#               Mib
 Viaggiando controvento
Mib7+                Fam
 Viaggiando controvento
Sol#             Dom   Solm7  Sol#
 Viaggiando controvento

Dom Solm7  Sol#

Dom       Solm7 Sol#
Acqua sarò      che spegnerà un momento
Dom        Solm7 Sol#                     Mibm Si7+ Sol#m
Accanto a te         Viaggiando controvento
Annunci

Quello che non ti ho detto – Modà – testo e accordi

Oggi mi girano i Modà! Gli accordi dovrebbero essere corretti, come sempre sono semplificati per i “chitarristi da spiaggia” come me. 🙂 Buona cantata!

RE      fa#                                sim-sim/la
"Scusami... se quella sera sono stato troppo fragile...   
sol
E non ho avuto proprio forza per 
 RE                       LA   
resistere... per fregarmene... 
RE      fa#                                     Sim-sim/la
Scusami... ma la voglia di sentirti era incontrollabile... 
sol
Dirti tutto in quel momento era
  RE                 LA
impossibile... era inutile 
SOL    LA                 RE               re/do#        SIm
Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è 
sim/la   SOL            LA
..facile..... dirti che... Sei diventata il
RE       re/do#       SIm      sim/la    SOL       LA
senso di ogni mio giorno...momento...perché... 
                     RE          SOL   la
...perché sei fragile... 
RE     fa#                                sim-sim/la
Scusami...se io non sto facendo altro che confonderti...
sol
 Ma vorrei far di tutto per non
 RE                     LA
perderti... voglio viverti... 
RE        fa#                                sim-sim/la
Parlami...ma ti prego di qualcosa oppure stringimi... 
sol
ho paura del silenzio e dei tuoi 
RE                     LA
brividi...dei miei limiti... 
SOL     LA                   RE       re/do#        SIm
Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è
sim/la       SOL     LA
 facile...dirti che... Sei diventata il 
RE       re/do#       SIm         si/LA         SOL     LA    
senso di ogni mio giorno...momento...perché... 
             RE     re/do#    sim    sim/la                  SOL            
...perché sei fragile..............e come me sai piangere... 
  SOL    LA                RE             re/do#         SIm  
Scusami, se ho preferito scriverlo, che dirtelo, ma non è
 sim/la   SOL        LA
 facile...dirti che... Sei diventata il
RE       re/do#        SIm    sim/la        SOL     LA
senso di ogni mio giorno...momento...perché... 
                 RE                            SOL
...perché sei fragile...e come me sai piangere..."

E’ l’amore che conta – Giorgia – 2011

Fa#- Re La Mi

Fa#-
Di errori ne ho fatti
Re
ne porto i lividi
La Mi
ma non ci penso più
Fa#-
Ho preso ed ho perso
Re
ma guardo avanti sai
La Mi
dove cammini tu
Fa#- Re
Di me ti diranno che sono una pazza
La Do#
Ma è il prezzo di essere stata sincera

Fa#- Re
E’ l’amore che conta
La Do#
non solo i numeri, e neanche i limiti
Fa#- Re
E’ una strada contorta
La Do#
e non è logica, e non è comoda

Fa#- Re
Nell’attesa che hai
La Mi
Nell’istante in cui sai
Fa#- Re
che è l’amore che conta
La Do#
non ti perdere, impara anche a dire di no

Fa#- Re La Mi

Fa#-
Di tempo ne ho perso
Re
certe occasioni sai
La Mi
che non ritornano
Fa#-
mi fa bene lo stesso
Re
se la mia dignità
La Mi
è ancora giovane
Fa#- Re
Di me ti diranno che non sono ambiziosa

La Do#
E’ il prezzo di amare senza pretesa…
Fa#- Re
E’ l’amore che conta
La Mi
non solo i numeri, e neanche i limiti
Fa#- Re
E’ una strada contorta
La Do#
e non è logica, e non è comoda

Fa#- Re
Nell’attesa che hai
La Do#
Nell’istante in cui sai
Fa#- Re
che è l’amore che conta
La Do# Re
non ti perdere, impara anche a dire di no

Re La Mi

No, No, No
Mi
No a questo tempo
Mi
d’ira e di cemento
Re La Mi Do#
No, No, No, NO!
Fa#- Re La Mi

Fa#- Re
E’ l’amore che conta
La Mi
non solo i numeri, e neanche i limiti
Fa#- Re
E’ una strada contorta
La Do#
e non è logica, e non è comoda

Fa#- Re
Nell’attesa che hai
La Do#
Nell’istante in cui sai
Fa#- Re
che è l’amore che conta
La Do# Fa#-
non ti perdere, impara anche a dire di no

Be Curious: L’esordio di Giorgia Todrani è un settimo posto conquistato sul palco dell’Ariston nel 1994 con la famosissima E poi, premiatissima dal pubblico nei mesi successivi. Si esibirà poi per ben due volte davanti al papa Giovanni Paolo II, la prima con Andrea Boccelli nella storica reinterpretazione di Vivo per Lei degli O.R.O.. Nel 1995 stravince a Saremo con Come saprei diventando la prima artista a vincere nella stessa edizione anche il premio della critica, oggi premio Mia Martini.

Youtube People says: Sii sincero, anche quando ti daranno del pazzo. Ama senza pretese, anche quando diranno che non sei ambizioso. Conserva la tua dignità: non venderti per una occasione che non tornerà più. Una persona mi ha detto: “Io ho fatto tanti errori, ne porto i lividi. Ma tu, nell’attesa dell’istante in cui sentirai di essere innamorato, non ti perdere, impara anche a dire di no, no, no, NO!!” Giorgia è la prova vivente che puoi arrivare in alto e vivere felice, ma senza svenderti. Grazie, Giorgia.

In My Opinion: una voce straordinaria, una vera artista che mi accompagna da quando sono adolescente. In questa canzone c’è tutta la sua essenza, in cui in buona parte  mi riconosco.

Sandra – 360°

SOL MIm DO RE
Sandra portami al mare, compriamo il pane, e un fornellino
bella cuore di panna, Cuba e’ in Romagna, cioccolatino
prendi tutte le cose, tutti i colori, di questo giorno qua
Sandra sai di nutella, pelle che brilla, ti spalmo il miele
guarda che arriva l’onda, mora gioconda, distesa al sole
perso nelle tue pose, nei tuoi sapori, come un bambino
specchio delle mie brame, ghiotto e’ il pane, sul fornellino
DO SOL DO RE
Sandra alza la radio, dammi la mano, come corre il tempo
bella senza rimedio, Cuba e’ vicino, amore controvento
SOL MIm DO RE
lascia mille sorrisi, i tuoi paradisi, ancora un altro giorno
Sandra c’e’ del calore, portami al mare, al tuo ritorno…
Sandra a notte finita, evviva la vita, e stiamo ancora insieme
lascia i brutti pensieri, di oggi e di ieri, che adesso ho fame
bella come nessuno, sento il profumo, viene dal giardino
forse non sarai tu, ma il pane che brucia, sul fornellino…
Rit.
DO SOL DO RE
Sai che in fondo la vita, crea le distanze, ma in questo sogno
DO SOL RE
Sandra, forse ho bisogno, solo di te…. Rit.

Curiosità: 360 Gradi è il nome di un duo composto da Stefano Gentili e Marco Faragli, noto tra la fine degli anni novanta e l’inizio degli anni duemila. I due sono cresciuti insieme con esperienze legate alla musica dance; hanno collaborato con produttori artistici come Giancarlo Bigazzi e Claudio Mattone. Nel luglio 1999 la band si è fatta conoscere grazie al successo estivo Sandra, entrato in classifica in Italia. Come tante belle canzoni è caratterizzata da un solo giro di accordi, salvo una variazione al ritornello. Semplice ma efficacie! Quanto ci siamo divertiti ai tempi di questa canzone?!