M’Amami o non m’Amami, questo è il problema!

Ieri sera sono andata all’Amami, serata JACK Aperitivo Sessualmente Spettacolare, già il nome è tutto un programma. Ecco alcune riflessioni random, senza ne arte ne parte.

Trasgressione: ho trovato poca arte e un discreto livello di volgarità sui modelli/cubisti mezzi nudi. Forse sono troppo sensibile alle mise sadomaso, strisce di pelle, borchie, piume e cose strane. Di certo non mi ritengo una puritana. Per me trasgressione è altro, qualcosa di molto più sottile.

Musica e Vocalist: Ok, faceva parte dello spettacolino sadomaso ma… zero coinvolgimento, il vocalist arriva ad essere a volte addirittura fastidioso. Troppo impegnato a strusciarsi e a presentare i cubisti con nomi d’arte allucinanti.

Locale: pieno, pienissimo. Non ci fanno mai un controllo su sti posti?! Per fare il giro del bancone ci voleva un quarto d’ora, con lunghe pause. Un incalcamento impressionante. Sì, lo ammetto, io sono un po’ insofferente da questo punto di vista, più della media. Ma è anche una questione di sicurezza!

Età: la media ponderata che ho calcolato, mettendoci anche qualche tipo in zona geriatria, è esattamente 16,4 anni. Ho rischiato di portarmi a casa più di una volta un toy boy. Scherzi a parte, trentenni girate al largo, non c’è roba per voi.

Personale: complimentoni a chi ha scelto le uniformi delle cameriere, complimentoni ironici. Ma del resto in un locale così, ci stanno anche. Riguardo ai barman invece… uno su due l’ho trovato particolarmente scortese, ho assistito a un litigio con un cliente veramente esagerato. Consiglio di cambiare mestiere, uno meno a contatto con la gente magari.

Guardaroba: 3 euro!!!! Non dico altro, roba che non mi viene un infarto.

Cocktail: a parte discretamente orrendi e fatti alla cavolo (non posso fare a meno di notarlo, deviazione professionale), che magari in una discoteca ci sta, costano ben 8 euro!! Un baileys annegato nel ghiaccio = 8 euro. Forse sono rimasta indietro come il cucco io, può essere.

Bilancio della serata
Una riflessione quindi: un locale cosa vende esattamente? Cocktail? Musica? No, dal mio punto di vista vende un’esperienza. Quando un cliente esce dovrebbe avere un bel ricordo e la voglia, prima o poi, di ritornare.
Tornerò secondo voi al JACK Aperitivo Sessualmente Spettacolare di Amami Treviso?!

Annunci

7 thoughts on “M’Amami o non m’Amami, questo è il problema!

  1. Leggendo il pezzo sulla trasgressione mi è venuto in mente che troppo spesso in effetti ci perdiamo per strada che i momenti di sesso&co più belli e coinvolgenti sono quelli che avvengono nello spazio compreso tra le due orecchie chiamato normalmente testa.
    Bel post!

  2. ….. Jack is Jack…. personalmente posso dire che l’aspetto scenografico è a dir poco travolgente….o meglio l’unico locale che sa dare qualcosa di nuovo e di diverso, vista la banalità dei locali in giro….. si si…. io puntualmente ci ritorno molto volentieri…e poi tanta, tantissima gente ci va….avrà pure qualcosa di buono !!!

  3. Se domani mattina dicono che andare a ballare in una latrina è cool, in, e chic, tutti a far la fila per entrarci….i 4 decelebrati (nel senso che non scelgono con la loro testa ma si lasciano trasportare dalle masse) , non scelgono i locali in base ai loro gusti, alla musica o a cio’ che tecnicamente distingue un locale da un altro….ma seguono la “moda”…ah piccola riflessione….i veri signori (quelli che il grano ce l’hanno per davvero) non si mischiano con la gente normale….quindi….non siete in, o chic perchè siete all’amami….siete solo dei polli da spennare….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...