Azzurri o marroni?

Una riflessione a voce alta più che un post vero e proprio. Un po’ per l’indole di #personacuriosa un po’ perché sto #simpatica alla gente (lo dicono loro!) sento, metabolizzo e rielaboro situazioni e vite dai colori più vari. Ed è inevitabile poi, almeno per me (cvd #personacuriosa), non mettersi nei panni dell’altro e chiedersi “cosa avrei fatto o cosa farei io al posto suo?”. La mia conclusione è spesso la stessa: io non starei ferma a guardare e/o aspettare e pochissime volte potrei girarmi dall’altra parte. Fatte salvo chiaramente alcune rare situazioni in cui è conveniente guardare in là, ma sono davvero poche.

E poi oggi alla radio andando a lavoro sento una riflessione sul fatto che ciò che rende terreno l’uomo è il fardello che porta ogni giorno, i pesi, le pressioni, le difficoltà che affronta quotidianamente. Una persona che non affronta le difficoltà, che aggira i problemi o scappa da questi è leggera e vola, viaggia distante dalla terra. Una persona terrena me la immagino marrone e una persona leggera invece azzurra: la memoria dell’asilo aiuta e rende l’idea. Preferiamo essere marroni o azzurri quindi? Reagire o lasciarsi scorrere la vita è una scelta nostra credo. Essere azzurri o marroni è una scelta. Io scelgo il marroncino ma non tinta unità, mi sento molto marroncina con qualche inserto speciale: la moda quale espressione dell’anima di un’artista (e non fatta solamente per il gusto del pubblico come molti pensano) aiuta molto in questo caso a rendere l’idea.

Un bauletto perché è spazioso e può contenere le mie scatole girate! #borsamiafatticapanna
Marroncino perché mi sento terrena e anche abbastanza pesante… #urgeunadieta
Decorata perché la mia vita non è di certo liscia, è fatta di imprevisti. #problemsolving
Con le cartine geografiche perché ci cascano a pennello: con una rotta sempre pronta e un orizzonte da scoprire. #personacuriosa

Dove volevo arrivare con tutto ciò? A parte essere finita a descrivermi con una borsa di Alviero Martini (ma perché poi mi sorprendo tanto?!) la morale della favola è che mi fa tristezza vedere queste persone azzurrine pastello che alzano le spalle dicendo “non ci posso fare niente”. E mi rompo un po’ le scatole a sentire lamentele lamentose da ggiovani che non muovono un dito per cambiare la loro situazione, di qualsiasi tipo sia, non mi riferisco nello specifico a un particolare ambito. Che ne pensate? Siete azzurri o marroni? Necessito di punti di vista diversi dal mio! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...